Mercatino di Natale a Bardolino

Dal 26 novembre fino all’8 gennaio il lungolago e il centro storico si addobbano per accogliere migliaia di visitatori e far loro vivere la magica atmosfera natalizia sulla sponda del Lago di Garda.

Con l’arrivo di dicembre Bardolino indossa i colori del Natale e si trasforma in un magico villaggio dedicato alla festa più attesa dell’anno. Dal 26 novembre e fino all’8 gennaio un cartellone ricco di appuntamenti e di eventi attende i visitatori per far loro vivere l’esperienza unica di festeggiare il Natale abbracciando la meravigliosa scenografia del Lago di Garda.

L'albero di Natale, una cascata di luci blu

L’albero di Natale, una cascata di luci blu

Sul Lungolago decine di aziende, attentamente selezionate, propongono i loro prodotti di alta qualità: dall’enogastronomia tradizionale, all’artigianato locale, passando per l’originalità degli articoli natalizi home made. Al termine di questo lungo viale dello shopping fatto di decine di casette di legno, i visitatori possono trovare ristoro in un grande igloo riscaldato, ammirando le evoluzioni sui pattini nella vicina pista per il pattinaggio sul ghiaccio completamente coperta.

Ma non solo Lungolago. I vicoli del centro storico si illuminano con centinaia di luminarie, ad indicare la strada per visitare la rassegna dei presepi dal mondo nella chiesa di San Severo. La passeggiata parte dall’imponente albero di Natale, in Piazza Umberto: una cascata di luci blu alta oltre sette metri, lo sfondo ideale per una foto indimenticabile.

E a Capodanno? L’appuntamento per tutti è sul lungolago per ballare e brindare al nuovo anno, con gli occhi rivolti al cielo ad ammirare lo spettacolo dei fuochi d’artificio che si specchiano nell’acqua del lago.

Tantissimi gli appuntamenti in programma, tra cui: “The Disney movie magic concert”, spettacolo musicale per famiglie a cura della Filarmonica Bardolino al Teatro Corallo (domenica 4 dicembre alle 15.30); sfilata ed esibizione dei Musici e Sbandieratori di Urbana (PD) – Palio 10 Comune di Montagnana (PD), Lungolago e Centro storico (giovedì 8 dalle 12 alle 15); Concerto di Natale del gruppo corale “Anna and Angels of the pop”, chiesa parrocchiale di Bardolino (giovedì 8 alle 15); il teatro è una favola 8° … (rassegna teatrale per famiglie), Teatro Corallo (domenica 11 alle 16.30).

Le casette del Mercatino di Natale

Presentazione del Libro “Gli invincibili di Bonimba” scritto da Adalberto Scemma, Sala della Disciplina, Borgo Garibaldi (domenica 11 alle 17); usiamo il materiale di riciclo – Laboratorio di Natale per bambini delle scuole elementari, Sala Civica Calmasiono (venerdì 16 alle 14.30); Mercato dell’antiquariato, Lungolago Riva Cornicelle (domenica 18 dalle 9 alle 18); Santa Messa Animata dal Coro della Filarmonica Bardolino, chiesa parrocchiale Bardolino (domenica 18 alle 11); Pomeriggio Musicale con le voci di Lidiana Gelmetti, Silvia De Villa, Gabriele Colombari e Marco Gaspari. Al piano Stefano Chinca. A cura della Filarmonica Bardolino, Sala della Disciplina, Borgo Garibaldi (domenica 18 alle 16); Casa di Riposo “Villa Serena”, auguri ai “nonni” di Villa Serena – L’amministrazione Comunale e il Parroco di Bardolino con i bambini portano i doni natalizi ai nonni di Villa Serena (lunedì 19 alle 15.30); l’officina di Babbo Natale. 1000 modi per dire auguri: biglietti, segnaposto, chiudipacco, Ludotaca Raggio di Sole, Villa Carrara (martedì 20 dalle 16.15 alle 17.45); messa vespertina animata dal coro della filarmonica Bardolino, chiesa di S.S.Nicolò e Severo (sabato 24 alle 18).

La pista di pattinaggio

Messa animata dal coro “Aria Nuova”, al termine auguri in Piazza Matteotti con pandoro, cioccolata e vin brulè con la collaborazione dell’Associazione AVIS (sabato 24 alle 22); ensemble Antica Pieve “Note di luce: riflessioni e canti sul mistero del Natale”, chiesa parrocchiale Bardolino (lunedì 26 alle 20.45); concerto gospel della scuola di musica “Moderna Bardolino”, Sala della Disciplina, Borgo Garibaldi (martedì 27 alle 20.45); Compagnia di Theamus, spettacolo teatrale a cura della Scuola di Teatro, Teatro Corallo (giovedì 29 alle 21); Stand enogastronomici, pista di pattinaggio coperta e fuochi d’artificio. Musica dal vivo con Genna Dj e spettacolo di giocoleria con Lungolago Bardolino (sabato 31 dalle 20); 2° Tuffo di capodanno – città di Bardolino, Lungolago Mirabello (domenica 1 gennaio alle 12); Tradizionale concerto di Capodanno con il coro e i solisti della Filarmonica Bardolino. Dirige Dario Tosolini, all’organo Stefano Chinca, chiesa parrocchiale Bardolino (domenica 1 alle 15); Brusa la Vecia. Arriva la befana … in bicicletta a cura della Polisportiva Bardolino, Parco Carrara Bottagisio (venerdì 6 alle 11.30 ).

Bardolino

Tutto questo è “Dal sei al sei”, la rassegna natalizia a Bardolino che non ha eguali sul Lago di Garda come numero di visitatori e attività proposte dedicate a piccoli e grandi. Dal 26 novembre all’8 gennaio, quindi, non prendetevi troppi impegni. Il Natale a Bardolino vi aspetta!

VIAGGIO A BARDOLINO

Bardolino sorge a metà della sponda veronese, nel punto di maggior ampiezza del lago di Garda. La dolcezza del clima favorisce la crescita della flora mediterranea: ulivi, cipressi, oleandri, viti, prosperano sulle colline che fanno da corona al centro che si protende verso il lago con due caratteristiche punte formate nei secoli da due torrenti. Negli ultimi decenni a supporto della tradizionale economia agricola si è sviluppata l’attività turistico-alberghiera con oltre 4000 posti letto.

Durante la brutta stagione il lago offre un’alternativa piacevole a chi volesse variare rispetto alla classica vacanza in montagna o in qualche capitale europea. Un buon bicchiere di vino e un piatto di pesce sono una esperienza piacevole da concedersi. Una seconda tipologia di vacanza, che sta ora andando molto di moda, è legata al benessere.

Il porticciolo di Bardolino

Chi sceglie questa opzione è alla ricerca del puro relax: una soluzione perfetta per scappare dalla frenesia della quotidianità. Molte strutture alberghiere organizzano aree termali private con accesso riservato agli ospiti dell’hotel o con pacchetti ad hoc: ci si può coccolare con idromassaggi, saune, bagni turchi e cure estetiche di ogni genere.

Bardolino è una delle più importanti e conosciute mete turistiche del Lago di Garda: la parte antica del borgo si affaccia sul lago con una lunga passeggiata che esce dall’abitato e permette di godere del paesaggio che si apre a vista d’occhio verso le montagne dell’altra sponda. I colli alle spalle vantano la produzione di un vino ed un olio di eccellenza. Non a caso, fra le varie attrazioni visitabili, non si può dimenticare il Museo del Vino, dove la famiglia Zeni ha creato una vera e propria ricostruzione storica dei vari strumenti ed attrezzi utilizzati nei secoli passati. interessante anche il Museo dell’Olio d’Oliva direttamente sulla Gardesana.

Passeggiando nel centro storico di Bardolino

La scoperta sia del borgo che del Lungolago può essere fatta anche con uno speciale trenino turistico, perfetto per chi ha difficoltà a camminare a lungo, per chi ha con sè bambini o semplicemente volesse guardare da una prospettiva alternativa questo angolo di mondo. Buone notizie per gli appassionati di shopping: Bardolino è ricca di negozi di ogni genere. Se pensavate di trovarvi in un borgo sonnecchioso, siete ben lontani dalla realtà. Gli acquisti possono variare dall’abbigliamento ad oggetti di arredamento, passando per la cura del corpo e le specialità enogastronomiche.

Bardolino (Bardolìn in veneto), terra da cui nasce l’omonimo vino che l’ha resa famosa in tutto il mondo, sorge sulla riviera orientale del lago di Garda, a circa 30 chilometri ad ovest da Verona, alle sue spalle vi sono i dolci pendii delle colline moreniche, territorio di coltivazione dei vigneti dell’omonimo vino Bardolino. Il nome di Bardolino potrebbe derivare da un termine latino di derivazione gaelica: Bardus, cantore oppure, altra ipotesi da patronimico germanico, Pardali o Bardali, figlia del re Axuleto e nipote di Manto, fondatrice di Mantova, che fu cantata dal poeta latino Virgilio e da Dante Alighieri nella Divina Commedia.

Bardolino, chiesa di S. Severo

A Bardolino gli studiosi hanno ritrovato diverse tracce di presenze preistoriche. In particolare a Cisano (una frazione di Bardolino) sono stati rinvenute tracce dell’antichissima civiltà palafitticola del basso lago di Garda. La presenza umana non è mai mancata nella zona di Bardolino ma, per averne tracce scritte si deve arrivare all’alto medioevo.

Bardolino non è conosciuta soltanto per la produzione del famoso rosso Bardolino o del Rosé Chiaretto, ma anche per le bellezze del centro storico, con i suoi vicoli, i molti negozi, i tipici ristoranti e le lunghe passeggiate sulla riva del lago. Meritano una visita la chiesa di San Zeno, tra le più notevoli chiese Carlongie in Italia, risalente alla seconda metà del IX secolo. Fu tra le poche chiese lasciate intatte dal terremoto che nel 1117 distrusse gran parte dei monumenti della zona di Verona. La chiesa di San Severo, costruita nella forma attuale tra la fine dell’XI e gli inizi del XII secolo su un preesistente edificio risalente alla seconda metà del IX secolo, è caratterizzata dall’alto campanile edificato in pietra viva e presenta un interno a tre navate con soffitto in legno e colonne in laterizio e tufo.

Bardolino, la cosiddetta “Villa delle Rose”

All’interno si trova inoltre una cripta che rimanda probabilmente ad un preesistente edificio longobardo dell’VIII-IX secolo. Di proprietà del comune di Bardolino, è rinomata soprattutto per i suoi preziosi affreschi, raffiguranti la vita di Gesù, la Vergine Maria, gli Apostoli e motivi dell’Apocalisse di San Giovanni e della leggenda sul ritrovamento della vera Croce.

La chiesa di San Nicolò, edificata su progetto dell’architetto Bartolomeo Giuliari fra il 1830 e il 1847, sostituì San Severo come parrocchia. Nelle vicinanze di Bardolino merita una visita anche la Pieve di Santa Maria, costruita a Cisano nel XII secolo su una precedente chiesa del tardo VII secolo a sua volta costruita su un tempio pagano. L’interno fu rifatto danneggiando irreparabilmente la struttura nel XIX secolo.

Numerose e molto belle le ville presenti nel territorio di Bardolino: Villa Bottagisio (XIX secolo), con un bel parco che occupa tutta la parte nord della baia di Bardolino, Villa Guerrieri (XIX secolo), in via San Martino, ha un parco notevole fronte lago e resti di un antico fortilizio, Villa Marzan (XIX secolo), a Cisano, è stata ristrutturata dall’architetto Ettore Fagiuoli. Il suo parco ospita una pagoda e un’uccelliera. Villa Giuliari-Gianfilippi (XIX secolo), presenta un suggestivo parco sul Lungolago a sud di Bardolino ed infine Casa Ottolenghi, progettata dall’architetto Carlo Scarpa.
Durante l’anno a Bardolino si organizzano, oltre alla manifestazione natalizia, numerose kernmesse che attirano molti ospiti: il carnevale di Bacchus e Ariadne, l’Aperitivo sotto le Stelle a inizio agosto, il Garda Festival con una vasta gamma di giochi estivi e la famosa “Festa dell’Uva e del Vino”, solo per citarne alcuni.

Il mercato settimanale con prodotti locali e interessanti occasioni si svolge il giovedì e inizia al mattino presto per terminare intorno a mezzogiorno.
Bardolino offre ogni tipo di struttura per il vostro soggiorno: hotel, pensioni, residence e campeggi ed è una meta ideale per i buon gustai: lungo la Strada del Vino potrete sostare nelle diverse cantine e gustare prelibate specialità nelle tipiche trattorie. Bardolino non è solo una meta per gli amanti della pace e la famiglia, ma anche per escursionisti e mountain biker, poiché molte gite accompagnano alla scoperta di paesaggi mozzafiato.

Vigneti nella zona di Bardolino

IL BARDOLINO

I prodotti tipici quali il vino, l’olio, il pesce, garantiscono una cucina tradizionalmente genuina, che si può gustare negli hotel, nei raffinati ristoranti e nelle numerose trattorie di campagna. Ma è qui il vino il vero protagonista. Il vino Bardolino Doc viene prodotto nella stessa zona del prestigioso Bardolino Superiore, cui è stata riconosciuta la denominazione Docg, e precisamente in tutto o in parte dei territori dei comuni di Affi, Bardolino, Bussolengo, Caprino, Castelnuovo, Cavaion, Costermano, Garda, Lazise, Pastrengo, Peschiera, Rivoli Veronese, Sommacampagna, Sona, Torri del Benaco, Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona. La zona classica comprende, in tutto o in parte, i comuni di Affi, Bardolino, Cavaion, Costermano, Garda e Lazise. Nel periodo medievale la produzione del Bardolino fu prerogativa dei monaci della Chiesa di San Colombano, che lo salvarono così dall’oblio. Fino all’Ottocento, per produrre questo vino era diffusa l’usanza di far fermentare il mosto in alcune cavità impermeabili del terreno coperte da lastre di pietra.

Il Bardolino

Il Bardolino Doc viene prodotto nelle tipologie Bardolino, Bardolino Classico, Bardolino Chiaretto, Bardolino Classico Chiaretto, Bardolino Chiaretto Spumante, Bardolino Novello e Bardolino Classico Novello. Per ottenere la denominazione Novello deve essere imbottigliato entro il 31 dicembre dell’annata di produzione delle uve e prodotto con l’85% di uva a macerazione carbonica; qualora le uve vengano vinificate con la metodologia tradizionale a parziale contatto con la buccia, è concesso al vino ottenuto, in considerazione del suo colore, l’uso in etichetta della specificazione Chiaretto. Se doveste scegliere fine maggio per un soggiorno a Bardolino, potrete assistere al Palio del Chiaretto, una esperienza unica fatta di colore, sapori e intrattenimento che ben amalgama la storicità enogastronomica e culturale del territorio. Sul lungolago fiorito e colorato di Riva Cornicello, le aziende vitivinicole del territorio, con i loro chioschi propongono e fanno degustare il meglio della produzione locale del Chiaretto Doc, Classico e Spumante insieme ai piatti tipici della tradizione del lago e che ben si abbinano con il vino.

Le tipiche barchette colorate di Bardolino

Sul lago sfilano le storiche imbarcazioni con venti rematori che vogano al ritmo dei tamburi. A terra sfilano invece le confraternite con la nomina dei nuovi ambasciatori del vino Chiaretto, testimoni spesso internazionali che portano nel mondo il sapore del Chiaretto di Bardolino. Isomma, in ogni stagione, una vacanza o anche solo un week end a Bardolino non vi deluderà mai.