“Festa del Luca” nel Chianti toscano

Dal 7 al 15 settembre a San Gusmè, nel comune di Castelnuovo Berardenga

Luca Cava

San Gusmè

Ironia, tradizione e spettacolo tornano protagonisti a San Gusmè, suggestivo borgo nel comune di Castelnuovo Berardenga , nel cuore del Chianti senese. Dal 7 al 15 settembre, infatti, si rinnova l’appuntamento con la “Festa del Luca”, la manifestazione dedicata a uno dei personaggi più bizzarri della storia, ricordato proprio all’entrata del borgo, dove si può notare una curiosa statua dalla posizione inconfondibile: un uomo accovacciato che copre le vergogne con il cappello, intento nello svolgere le sue quotidiane funzioni accanto a una singolare scritta: “Re, imperatore, papa, filosofo, poeta, contadino e operaio: l’uomo nelle sue quotidiane funzioni. Non ridete, pensate a voi stessi”. E’ Luca Cava (in toscano stretto “luca’ava”), il personaggio più famoso di questo territorio variegato che viene ricordato con orgoglio da tutti i sangusmeini. La leggenda racconta che, nel 1888, Giovanni Bonechi, un contadino del posto, per invogliare i passanti a fare i bisogni nel suo pezzetto di terreno, vi pose una statua in pietra da lui scolpita, appunto Luca Cava, così da rendere più pulito il resto del paese indicando un unico luogo per espletare le “funzioni corporali”, in un’epoca dove non esistevano non solo i bagni pubblici ma anche quelli all’interno delle abitazioni. L’intento era quello di unire all’aspetto ambientale, una necessità produttiva: il refluo, infatti, sarebbe poi stato utilizzato come fertilizzante dallo stesso contadino.

La Festa. Dal 1972 la leggenda è divenuta una seguitissima festa che ogni anno registra oltre 2500 presenze, nata grazie al regista televisivo e radiofonico senese, Silvio Gigli, anche cronista storico del Palio di Siena e uno tra i primi presentatori di quiz. Dopo un referendum popolare, il regista fece realizzare una nuova statua e, dopo il tribolato consenso degli abitanti in passato scherniti per il loro bizzarro simbolo, fu dato incarico al maestro Marcello Neri delle ceramiche Santa Caterina di Siena che plasmò l’opera in terracotta su un disegno del famoso vignettista, Emilio Giannelli.

Palio delle botti

La Festa del Luca si articola ogni anno nei primi due fine settimana di settembre e, oltre agli immancabili appuntamenti con la gastronomia e la cultura locale, le rievocazioni di antichi mestieri e di artigianato tipico e le mostre di pittura, porta con sé anche un momento di riflessione dedicato all’ambiente con particolare attenzione alla sostenibilità, nelle varie forme che possono interessare l’ambito rurale (edilizia produttiva, forme di coltivazione, energia da fonti rinnovabili…). Tanti sono stati gli ospiti illustri che hanno calcato la piazzetta del borgo da Pippo Baudo a Tiberio Timperi; da Paola Perego a Luca Giurato, Giancarlo Magalli, Federico Fazzuoli: ogni anno, infatti, vengono consegnati i premi dedicati a Silvio Gigli e Paolo Maccherini a coloro che si sono distinti nel campo dello spettacolo e del giornalismo. La festa si compone inoltre di concerti e di spettacoli di cabaret che, nelle passate edizioni, hanno visto protagonisti, tra gli altri, Fausto Leali, Riccardo Fogli, i Ricchi e Poveri, Pippo Franco, Massimo Ceccherini, Cristiano Militello e Paolo Migone.

Infine, come da tradizione, la festa si chiude, la seconda domenica di settembre (quest’anno il 15 settembre), con una giornata di folklore, dedicata alle famiglie e più adatta a trascorrere una giornata in uno dei borghi più belli del Chianti: il pomeriggio si svolge l’annuale “Palio delle Botti nel Chianti”, iniziativa inserita nel circuito nazionale delle corse delle botti organizzato dall’Associazione Nazionale Città del Vino, mentre, la sera, uno spettacolo pirotecnico sancisce la chiusura della manifestazione.

Alla Festa del Luca si possono gustare tutte le specialità del senese

Tradizioni e costumi folkloristici alla Festa del Luca

Il programma 2013. Tra gli appuntamenti del cartellone 2013 della Festa del Luca è in programma il concerto del mitico gruppo rock progressivo italiano, News Trolls (sabato 7 settembre, ore 21.30) e lo spettacolo con il comico di Zelig, Paolo Migone (domenica 8 settembre, ore 21.30). Spazio sarà dato anche allo sport durante l’escursione con il gruppo Trekking “La Bulletta”, “Il Chianti storico tra paesaggio, natura e tradizioni (domenica 8 settembre); alla cultura con il concerto e le letture rinascimentali nell’antica chiesa della Compagnia della Ss. Annunziata (mercoledì 11 settembre) e ai giovani, con una serata a loro dedicata (venerdì 13 settembre), e alla riflessione sullo sviluppo e le sfide del territorio senese con il convegno in programma giovedì 12 settembre alle ore 15.30. Fino ad arrivare agli appuntamenti clou con la consegna dei premi dedicati a Silvio Gigli e Paolo Maccherini in programma sabato 14 settembre alle ore 20.30 e con la IX edizione del Palio delle botti nel Chianti (domenica 15 settembre). Durante la manifestazione, infine, sarà possibile visitare la XIV Mostra mercato internazionale di pittura nel Chianti; la mostra dei dipinti di Fabrizio Ciampolini; il mercatino degli hobbisti “Crea e dimostra” e l’allestimento floreale della “Floricoltura Paolo Matassoni” di Montevarchi.

Luca Giurato

Info. Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile telefonare al numero 0577.359345, scrivere all’indirizzo pro@sangusme.it oppure visitare il sito internet www.sangusme.it. La Festa è organizzata dall’Associazione Pro Loco San Gusmè, con il patrocinio di Regione Toscana; Provincia di Siena  e Comune di Castelnuovo Berardenga e con il sostegno di ChiantiBanca. Gli sponsor dell’iniziativa sono Villa a Sesta; Tenuta di Arceno; Floricultura Matassoni; Rossi Caludio & C. S.r.l.; Generali; Chianti Classico. I partner: Hotel Borgo San Felice Relais & Chateaux; Lavorazione Carni Suine Di Rabissi, Pepi & C. – San Rocco A Pilli; Punto Emme di Minucci Silvano – Castelnuovo Berardenga; ristorante “Da Sira E Remino” – San Gusmé; Toscana Cereali – Pasta “La Tosca” – Siena.